Politica

Biogas: la verità sull’ultimo consiglio comunale

Vero è che anche il consiglio comunale del 4 Marzo come quello precedente era stracolmo di cittadini interessati e preparati riguardo il punto sui progetti delle centrali di biogas, vero è che sono partite urla di disapprovazione verso il sindaco ma a tutto c’è un perchè, nulla succede per caso. Il perchè le persone sono improvvisamente impazzite  lo ha spiegato bene il consigliere Andrea Mingiacchi  del PD che non solo richiama il Presidente del Consiglio Borrelli a far rispettare le regole e i tempi negli interventi politici perchè, dice “conduce malissimo  le sessioni di consiglio”, ma ha presentato l’unica mozione chiaramente contro le biogas, affermando che “la politica della Giunta Bruschini è inefficiente perchè non consulta prima i cittadini riguardo i progetti che vogliono sviluppare, infatti si arriva sempre a giochi fatti e fatti male”.

Giornali e blog locali sono stati ben attenti a non chiarire la differenza tra le due mozioni (quella del PD e quella riesumata della maggioranza) e comunque non è emerso che gli emendamenti del consigliere Del Villano erano sostanzialmente inutili e sono serviti a far credere che sarebbero stati aggiunti agli stessi punti della mozione presentata con zelo dal capogruppo del Partito Democratico. Va avanti il procedimento della mozione di maggioranza in cui si è fatto ricorso al Tar per contestare  la messa in opera della prima centrale, pur sapendo che si perderà e si istituisce una commissione speciale politica come specchietto per allodole  che servirà a tutto tranne a bloccare la centrale. Al contrario la mozione del Partito Democratico  chiedeva al primo punto di richiedere una nuova conferenza dei servizi per variazioni sul progetto quindi revocare il parere positivo del 2012  dato dall’Assessore Patrizio Placidi  per mandato del Sindaco. La verità è che il sindaco e questa maggioranza politica poteva dire un no definitivo a questa centrale che servirà come discarica per centinaia di migliaia di cittadini, da Roma alla Campania. Hanno votato la mozione del PD anche tutto  il resto dell’opposizione e il consigliere Del Villano, nonostante sia sempre più chiaro il quadro politico che li porterebbe a “riappallarsi” con le liste di Bruschini.

Nel merito il partito Democratico rilascia questo comunicato:

“I PRIMI RISULTATI

La dura battaglia condotta dal PD , dai comitati Civici e da singoli cittadini ha ottenuto i primi risultati.

Nel consiglio Comunale svolto Venerdì scorso in un’atmosfera incandescente il Sindaco Bruschini è stato costretto ad assumere l’impegno ad andare nella Conferenza di servizio del 17 / 3 per dichiarare la più totale contrarietà dell’Amministrazione al secondo impianto di Biogas . Dopo aver detto e scritto che l’Amministrazione era assolutamente impossibilitata ad intervenire il PD e i suoi Consiglieri hanno dimostrato che ,per le opere di interesse locale , il parere dell’Ente locale è il più importante e senza tale parere favorevole la statistica dimostra che tali impianti non si installano.

Questo dimostra che esiste uno spazio per bloccare anche l’altra centrale in quanto , nonostante il parere favorevole dato nel 2012 dall’assessore Placidi, si può in ragione della variante progettuale richiesta dall’Azienda richiedere una nuova conferenza dei servizi nella quale esprimere parere negativo.

Il Sindaco non è convinto di questa strada e preferisce rimanere aggrappato al ricorso al Tar . Il PD teme che questo non sia sufficiente e insistiamo perché il Sindaco chieda una nuova Conferenza di Servizio per esprimere anche in questo caso parere contrario .

Il PD è contro queste centrali ed assumerà, con tutti coloro che sono interessati , tutte le iniziative volte a impedire la realizzazione di questi impianti e degli interessi che sono coinvolti. Agli Assessori che si dichiarano contrari alle centrali e cioè alla politica di questa Amministrazione come le assessore Cafà e Nolfi segnaliamo che l’unico modo per prendere le distanze sono le dimissioni, l’unico modo trasparente per dimostrare la propria correttezza.”

 

I più letti

To Top